MINESTRA CON FOGLIE DI SEDANO

Se pensiamo al sedano lo immaginiamo sempre e solo come odore da cucina, invece si può utilizzare questo splendido ortaggio in tantissimi modi: nelle insalate, nelle zuppe e nelle minestre, nel pinzimonio, al forno, con l’hummus di ceci, con i formaggi cremosi; così eviteremo di utilizzare solo il gambo e buttare via tutte le foglie e gusteremo piatti gustosi e dal sapore insolito.

Quando lo acquistiamo, dobbiamo fare attenzione che il gambo sia rigido, lucido e le foglie belle vispe e verdi. E’ un ortaggio dalle proprietà anti-aging, vitaminizzanti, rigeneranti, depurative e reidranti. Ottimo pensare di bere degli estratti di carote e sedano quando abbiamo perso dei liquidi.

Oggi vi propongo una minestra realizzata con le foglie di sedano quindi

ecco la ricettina…

Ingredienti per 4 persone:

le foglie di 1 bel mazzo di sedano a km zero o bio (circa 180 g)

2 patate medie a km zero o bio

 1 cipolla dorata di media grandezza a km zero o bio

40 g di burro

una manciata di grana padano grattugiato (facoltativo)

sale q.b.

Come si fa…

Iniziamo tagliuzzando la cipolla e facendola soffriggere lentamente in una casseruola con il burro a fuoco basso. Scegliamo il burro per questa preparazione perché  esalta il profumo del sedano e ne addolcisce il sapore, ma mi raccomando, attenzione ad evitare le alte temperature perché il burro ha un punto di fumo basso.

Ora aggiungiamo le foglie di sedano, le patate tagliate a dadini, sale secondo nostro gusto ed esigenze e all’incirca 1 lt abbondante di acqua. Lasciamo cuocere per una ventina di minuti, il tempo necessario agli ortaggi per diventare morbidi. Facciamo intiepidire un po’ e frulliamo le verdure con un mixer ad immersione e la nostra minestra è pronta.

Si può servire con della pastina, del riso o con del pane bruscato se l’avete fatta un po’ più densa.

Se vi piace condire con del formaggio grattugiato, provate ad assaggiare, io ne consiglio una minima quantità perché il sapore del sedano è molto delicato quindi si rischia di coprirne l’aroma.

In ogni caso, abbiamo realizzato un buon piatto e, soprattutto, non abbiamo gettato via le foglie di sedano come invece spesso accade…un occhio all’ambiente e uno … perché no? anche al portafoglio!

Quando si dice unire l’utile al dilettevole!!!

Postilla: le indicazioni sugli ingredienti e/o attrezzature da cucina, riguardano quelli che preferisco e uso. Se piacciono anche a te e li acquisti tramite il mio link, TesOry in cucina by Nuovi Gusti riceve una piccola commissione. Grazie di aver visitato il mio blog!  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *