IL LIEVITO ALIMENTARE: COS’E’, COME SI USA E PERCHE’

Il Lievito Alimentare in scaglie non dovrebbe mai mancare in tavola: una naturopata ci spiega il perché!

Articolo di Margherita Gradassi, farmacista, naturopata, floriterapista:

Siete vegetariani, vegani o alimentaristi curiosi?

Dovete assolutamente conoscere il lievito alimentare. Prima di tutto vediamo esattamente cos’è il lievito alimentare. ”Il Lievito alimentare è un lievito disattivato, spesso un ceppo di Saccharomyces cerevisiae, che viene venduto commercialmente come un prodotto alimentare”, scrive Wikipedia. Questo è abbastanza chiaro, no?

Utilizzare lievito alimentare nella nostra cucina ha diversi vantaggi.

Un grande vantaggio del lievito alimentare è la sua grande concentrazione di vitamina B12, una vitamina molto importante di cui gran parte della popolazione è carente, in particolare chi segue una dieta priva di alimenti di origine animale. La B12 nel lievito é inserita come additivo al termine della sua fabbricazione.

Inoltre il lievito alimentare è ricco di altre vitamine del gruppo B, a basso contenuto di grassi e di sodio privo di zucchero e glutine contiene ferro ed amminoacidi essenziali per il buon funzionamento del nostro organismo. Il Lievito alimentare è spesso conosciuto ed utilizzato da vegani come un’ “alternativa” per i prodotti lattiero-caseari.

Io non sono una grande fan del concetto di alternative – il formaggio è formaggio, la panna è panna, e il lievito alimentare è lievito alimentare. Non amo fare analogie, ma il lievito alimentare ha effettivamente un leggero sapore di formaggio. Il lievito alimentare non ha particolari controindicazioni, a mio avviso è meglio non abusarne in quanto è un lievito e pertanto può dare fastidio a chi ha intolleranze ai lieviti.

Un’altra domanda che mi viene posta spesso sul lievito alimentare è se si può utilizzare per la preparazione di pane e dolci, la risposta è NO!

E’ un lievito disattivato e quindi non affine alla fermentazione. Si ottiene dalla lavorazione del lievito di birra “basso”, ossia prodotto a una temperatura fra gli 0 e i 5°C; il lievito di birra che si utilizza durante la panificazione, invece, quello in panetti, è tratto dal lievito “alto”, ossia prodotto fra i 15 e i 20°C. Quando ci si approccia ad utilizzarlo in cucina bisogna considerare la sua consistenza che è secca e squamosa, quindi è bene abbinarlo a olio d’oliva o cibi abbastanza umidi per apprezzarlo pienamente.

Quali alimenti vanno bene con lievito alimentare? Molti! …….. tratto da www.macrolibrarsi.it

 

Buon Appetito!

Postilla: le indicazioni sugli ingredienti e/o attrezzature da cucina, riguardano quelli che preferisco e uso. Se piacciono anche a te e li acquisti tramite il mio link, TesOry in cucina by Nuovi Gusti riceve una piccola commissione. Grazie di aver visitato il mio blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.