GOMASIO

GOMASIO FATTO IN CASA

Ma che è questo gomasio?

Diciamo che è un insaporitore, da sostituire al sale di tanto in tanto. Meno sale, più nutrimento con il sesamo. Sì è vero, un po’ queste ricette vanno di moda però sono anche un sacco fighe! A me piacciono tanto, soprattutto perché mi danno la sensazione di prendersi cura di sé, di riappropriarsi di un tempo che “crediamo” di non avere più.

Il mortaio originale della tradizione giapponese si chiama suribachi ed è carinissimo da avere in casa, che lo usiate o meno!!! Ed è romantica l’idea di dedicare quei venti minuti durante una sera d’inverno per la preparazione del gomasio, mentre si chiacchiera pestando il sesamo nel suribachi; può essere davvero piacevole, e ci aiuta pure a scaldarci!!! Giuro, io ogni tanto lo faccio…mai d’estate però!

Penso che fare scelte diverse rispetto all’alimentazione, significhi farle anche nel modo in cui viverle e vivere in senso generale… e certo ognuno fa le proprie!

Ma ecco la ricettina …

Ingredienti per 100 g:
7 cucchiai di semi di sesamo equosolidale(70 g circa)
1 cucchiaio raso scarso di sale di Cervia

Come si fa …
Per preparare il gomasio occorre prima tostare i semi di sesamo in una buona padella antiaderente a fuoco basso, finché non iniziano a scoppiettare e a spandere il loro aroma inconfondibile per tutta la vostra cucina! Fate attenzione a non far abbrustolire troppo il sesamo poiché potrebbe rilasciare il sesamolo, sostanza amare e tossica.

Per capire quando il sesamo è tostato al punto giusto fate la prova cucchiaio. Quando i semi di sesamo non restano attaccati al cucchiaio, possiamo toglierlo dal fuoco e versarlo in un mortaio. 
In un piccolo padellino tostare anche il sale grosso a fuoco basso per un paio di minuti al massimo e versarlo nel mortaio insieme ai semi di sesamo.

Iniziare a pestare i semi di sesamo con il sale con il suribachi e proseguire fino a quando il sale sarà penetrato nei semi, saranno necessari 15-20 minuti.

Ovviamente questo sistema manuale è quello che permette di mantenere maggiormente tutti i principi nutritivi e proprietà benefiche di questo condimento, inoltre sarà più facile adattarlo alle proprie esigenze rispetto alle quantità di sale.
Se decidete di acquistarlo già pronto o di frullarlo con un macinino elettrico… beh, non sarà la stessa cosa, ma è comunque una buona scelta.

Potete preparare il gomasio una volta la settimana e conservarlo in un vasetto di vetro in luogo fresco ed asciutto.

Postilla: le indicazioni sugli ingredienti e/o attrezzature da cucina, riguardano quelli che preferisco e uso. Se piacciono anche a te e li acquisti tramite il mio link, TesOry in cucina by Nuovi Gusti riceve una piccola commissione. Grazie di aver visitato il mio blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *